mercoledì 25 dicembre 2013

«Christùyenna»: una canzone di Natale diversa dalle altre

Una canzone di Natale, diversa dalle altre, del cantautore greco Fivos Delivoriàs (2003). Una canzone melodica, delicata, un po' dura e malinconica, ma soprattutto autentica e dolceamara, proprio come la vita. Forse descrive dei momenti di Natale che tutti abbiamo vissuto e viviamo ancora e, comunque, cerca la strada verso «una mangiatoia che contenga il vuoto».





Χριστούγεννα
Natale
Δέν περιμένω μως τίποτα πιά
Ma non aspetto niente ormai
Τόν ϊ-Βασίλη πλς τόν λέγαν «μπαμπά»
Babbo Natale si chiamava semplicemente “papà”
Κι εν’νας πρώην λλην ριστερός
Ed è un ex Elleno di sinistra
νας θνητός
Un mortale
Μέ τ’νειρό του δίχως στέγη καμιά
Con il suo sogno senz’alcun tetto
Καί τό νοιξιάτικο κορίτσι–μαμμά
E la ragazza-mamma primaverile
Πλακώνεται π’τή συνταγή τήν παλιά
Si costringe dall’antica ricetta
Ο μυρωδιές θυμίζουν κάτι βαρύ
Gli odori ricordano qualcosa di pesante
Κάποια πληγή
Una ferita
Πού πλς δέν θέλουμε ν’νοίξει ξανά
Che semplicemente non vogliamo che si apra di nuovo


Χριστούγεννα
Natale
Τά πλεϊμομπίλ μου εν’ξαιτίας μου κουτσά
I miei Playmobil sono per colpa mia zoppi
Σβησμένα στή σαμπάνια βεγγαλικά
Fuochi d’artificio spenti nello spumante
σως γιά κάποιους νά’ναι κόμα γιορτή
Può darsi che per alcuni sia ancora festa
Μά ποιοί εν’ατοί;
Ma chi sono loro?
Ζον σέ θερμοκοιτίδες σε χωριά;
Vivono in incubatrici o in villaggi?


Χριστούγεννα
Natale
Κι ,τι ρχίζω μο πηγαίνει στραβά
E tutto quello che comincio va storto
Πάντα μέ πάει σ’νός σταυρο τά καρφιά
Mi porta sempre sotto i chiodi d’una croce
Καί πότε-πότε τά καρφώνω κι γώ
E alcune volte li inchiodo anch’io
Σέ λλον μνό
Su un altro agnello
τσι ταν πάντα κι τσι θά’ναι ξανά
È da sempre così e così sarà ancora


Χριστούγεννα
Natale
Κι σύ τί θές π’τή ζωή μου ξανά;
E tu che vuoi ancora dalla mia vita?
Μέ τά λαμπιόνια σου τά θανατερά
Con i tuoi lampioni mortali
Καί τό φιλί σου πάντοτε ποδεκτό
E il tuo bacio sempre accettabile
Πς σέ μισ!
Come ti odio!
Θές νάσαι δια καί νλλάζω γώ
Tu vuoi essere sempre la stessa e che io cambi
Μέ θές προσωπικό σου δημιουργό
Mi vuoi creatore tuo personale
Μή λές πώς μοιάζω μέ τόν Ντόναλντ γώ
Non dire che assomiglio io a Paperino
Λάμπω γώ
Io brillo
Μά μνα σπότλαϊτ πού δέ μοναι ρκετό
Ma con un proiettore che non mi basta


Χριστούγεννα
Natale
Τί φταίω πού ν λείπεις ζωή μου διψ
È colpa mia che, se manchi, la mia vita ha sete?
Τό γαϊδουράκι της τραβάει ργά
Il suo asinello va avanti piano
Νά βρε να πανδοχεο νυχτερινό
Di trovare una locandina notturna
Νά’ναι νοιχτό
Che sia aperta
στω μιά φάτνη νά χωράει τό κενό
O, almeno, una mangiatoia che contenga il vuoto


Χριστούγεννα
Natale
Χωρίς ατά χρόνος δέν ξεκινά
Senza questo l’anno non comincia
Βοσκούς μαζεύω, μάγους πό μακριά
Raccolgo pastori, magi da lontano
Γιορτάζω γιά ν’λλάξουμε ριστικά
Celebro perché noi cambiamo definitivamente
Χρόνια πολλά
Tanti auguri
Χωρίς νά προσποιομαι τίποτα πιά
Senza pretendere niente ormai


4 commenti:

ΠΑΝΑΓΙΩΤΗΣ ΜΠΟΛΤΣΗΣ ha detto...

Il periodo che passiamo è proprio difficilissimo. Tutti noi abbiamo bisogno di spassionatezza, sinesi, pazienza e pensiero positivo. Il panico non ha mai aiutato nessuno.

andromachi ha detto...

Come l' hai trovato tu questa canzone moderna?????non l'aspettavo....

panos italiano ha detto...

Non l'ho trovato, Andromaca... l'ho trovata! E perché mai non te l'aspettavi?

panos italiano ha detto...

Grazie del tuo commento, Panayotis! (un po' d'attenzione, però, alla traduzione in italiano e l'uso di parole di origine greca: http://www.treccani.it/vocabolario/sinesi_%28Sinonimi-e-Contrari%29/).